Sciopero supermercati: sindacati e dipendenti in mobilitazione

imagesÈ previsto per domani, sabato 7 Novembre 2015, lo sciopero del personale della grande distribuzione, indetto per richiedere innanzitutto il rinnovo del contratto di lavoro – scaduto ormai dal 2013 -, e per rivendicare turni di lavoro meno sfibranti e salari più adeguati.

Sono migliaia i supermercati a marchio Ikea, Decathlon, Coop, Carrefour, Coin, Oviesse, Upim, La Rinascente, che aderiranno alla mobilitazione insieme ai sindacati Filcams Cgil, Fisascat Cisl e Uiltucs Uil, per chiedere a Federdistribuzione, Confesercenti e Distribuzione Cooperativa lo sblocco delle trattative.

Sono pronti a dare il via ad una lunga battaglia” i sindacati e i lavoratori impegnati in questa lotta per il riconoscimento dei propri diritti, che già infuria sui social con l’hashtag #Fuoritutti.

La segretaria generale della Filcams Cgil, Maria Grazia Gabrielli, in una nota ha sottolineato l’importanza della protesta “Lo sciopero proclamato è una scelta importante e ineludibile dopo 22 mesi in cui gli incontri e le trattative non hanno prodotto le condizioni minime per arrivare a definire i rinnovi contrattuali […]. Noi, restiamo convinti della centralità del contratto nazionale che va difeso e rafforzato“.

Non è tardata ad arrivare la risposta di Confesercenti che ha replicato: il negoziato “è ancora aperto“, tuttavia non è stata tenuta “in debita considerazione” la sua disponibilità a proseguire il dibattito.

Se in seguito alla manifestazione non dovesse realizzarsi ciò che viene legittimamente richiesto, col supporto dei sindacati, i dipendenti dei supermercati programmeranno per il 19 Dicembre prossimo un’altra giornata di sciopero.