Primo ambasciatore donna eletto in Iran dalla rivoluzione del 1979

Marzieh Afkam è stata eletta come rappresentante diplomatica della Repubblica islamica dell’Iran ed è diventata così la prima donna nella storia del suo Paese a ricoprire una simile carica. L’annuncio è arrivato direttamente dal ministro degli Esteri Mohammad Javad Zarif. Ancora non si sa con certezza in quale nazione sarà inviata, ma resta comunque una constatazione di fatto: l’Iran sceglie una donna come sua delegata ufficiale. Nata nel 1965 a Shiraz, Marzieh studia alla Sharif University of Technology  prima di diventare capo dell’ufficio informazione e stampa del
1112ministero degli Esteri e di essere promossa, nel 2013, a prima portavoce donna dello stesso.

Non solo a lei è stato però concesso un ruolo di spicco nel panorama nazionale iraniano voluto dal presidente Rohani: l’accademica e giurista Shahindokht Molaverdi è  stata infatti incaricata degli Affari delle donne e della famiglia mentre Masumeh Ebtekar, anche lei docente universitaria, è stata nominata responsabile per l’ambiente. Proprio quest’ultima, in occasione di una sua recente visita a Roma, aveva sottolineato come le donne rappresentino in Iran ben il 60% della popolazione universitaria e di come il velo, più che una forma di controllo sociale, sia una regola “etica”.