Favoreggiamento dell’immigrazione clandestina: arrestati proprietari di 18 circhi

ULTIMO AGGIORNAMENTO 11:03

Un’indagine singolare e senza precedenti, quella portata avanti dalla questura di Palermo e culminata, questa mattina, con l’arresto di 40 persone tra le quali spiccano nomi più o meno noti del mondo circense. A finire in manette, oltre ad un funzionario dell’assessorato al Lavoro della Regione che si occupava di firmare false autorizzazioni all’impiego, anche Lino Orfei ed Alvaro Bizzarro, ed i proprietari dei circhi Coliseum Sandra Orfei, Kumar, Caroli, Wigliams Brother, Apollo, Meraviglioso, Martini    Cirque D’Europe, Smart Shane. Una vera e propria mannaia giudiziarilino orfeia. Per tutti loro l’accusa è di favoreggiamento dell’immigrazione clandestina.

Il metodo del quale si servivano era quello di fingere di reclutare facchini, ballerini e attrezzisti per i circhi di tutta Italia. Invece ogni immigrato pagava una cifra che si aggirava attorno ai 15 mila euro per ottenere una falsa autorizzazione all’assunzione firmata dalla Regione Sicilia. Di questi soldi pagati da ogni clandestino, i gestori dei circhi incassavano fra i 2.000 e i 3.000 euro direttamente dai trafficanti. “Un giro d’affari che ammonta a 7 milioni di euro” chiarisce il capo della Mobile Rodolfo Ruperti. Per il nulla osta della questura, invece, venivano utilizzati dei timbri falsi. La maggior parte degli immigrati dei quali si serviva l’organizzazione proveniva dal Pakistan, dal Bangladesh e dall’India.

Iscriviti al canale Telegram di NewNotizie per non perdere nessun aggiornamento: CLICCA QUI!