No Expo: 10 arresti per gli scontri del Primo Maggio

La polizia di Milano ha notificato 10 ordinanze di custodia cautelare nei confronti di altrettanti manifestanti che il primo maggio, durante l’inaugurazione dell’Expo, furono coinvolti negli scontri avvenuti nel centro della capitale lno expoombarda. Secondo quanto si apprende dagli inquirenti, 5 di loro fanno parte dell’area anarchica milanese ed erano già conosciuti alle forze dell’ordine mentre gli altri 5 sono militanti greci. L’indagine, condotta dalla Digos di Milano con il coordinamento del Servizio investigazioni generali, è consistita principalmente nell’analisi certosina di tutto il materiale video e fotografico registrato durante il corteo. Filmati realizzati dagli operatori della polizia scientifica, da televisioni pubbliche e private e dalle telecamere di videosorveglianza. Circa 600 Gb che gli agenti hanno setacciato per sei mesi al fine “di evidenziare ogni più piccolo dettaglio, utile a individuare ed identificare con certezza gli autori dei reati”, si legge in una nota diramata dalla polizia. Tra i destinatari delle misure cautelative figurano anche tre milanesi, un comasco ed un greco indagati a piede libero.

Gli scontri sono avvenuti durante la manifestazione “MayDay Parade”, un corteo che il primo maggio di ogni anno viene convocato per protestare contro la precarietà e la mancanza di politiche di welfare nel nostro Paese.