Canone Rai: addebito nella prima bolletta elettrica del 2016

ULTIMO AGGIORNAMENTO 12:24

download (2)È ufficiale, dal prossimo anno, il Canone Rai verrà inserito – in un’unica rata -, nella bolletta relativa alla fornitura di energia elettrica!

È quanto stabilisce l’ultima bozza della legge di stabilità, decretando che l’esistenza di una fornitura di energia elettrica implica necessariamente il possesso o l’utenza di un apparecchio televisivo e della radio.

Rimane l’impianto della normativa in vigore – dice il sottosegretario dello Sviluppo Economico, Antonello Giacomelli a 24Mattino – È il possesso di un televisore il requisito per il pagamento del canone, non degli altri device – e aggiunge – «Non cambia nulla rispetto alla normativa attuale, almeno per il momento. Per il futuro vedremo».

L’importo dovuto all’erario sarà di 100 euro netti, rispetto agli attuali 113,50.

Le modalità di pagamento saranno definite in un decreto del Ministero di Economia e Finanza entro 45 giorni dal via libera alla legge di stabilità.

Cosa succede invece per chi non detiene un televisore?

In tal caso il cittadino dovrà esibire un’autocertificazione all’Agenzia delle entrate competente per territorio.

Nel caso in cui, invece, l’utenza elettrica sia intestata a un soggetto diverso da chi possiede l’apparecchio, quest’ultimo dovrà effettuare il pagamento secondo la consueta modalità, versando l’importo sul conto corrente postale.

Secondo i dati Istat – ha sottolineato Giacomelli – il 97% degli italiani possiede un televisore. Eppure questo non emerge dai dati sul pagamento del canone».

Si calcola infatti che il 33% degli italiani evade il canone. In questo modo i cittadini non potranno esimersi dal pagare, contribuendo – così è previsto -, all’abbassamento delle tasse.

In sostanza dal 2016 al 2018 l’erario destinerà le entrate al fondo per la riduzione della pressione fiscale.

Inoltre, recuperando tutto l’evaso, sarà possibile ridurre l’importo del canone a 80 Euro.

 

 

Iscriviti al canale Telegram di NewNotizie per non perdere nessun aggiornamento: CLICCA QUI!