Neve in arrivo sull’Appennino: fenomeni eccezionali nelle prossime 72 ore

ULTIMO AGGIORNAMENTO 19:32
neve appennino
Neve in arrivo sull’Appennino: fenomeni eccezionali nelle prossime 72 ore

La neve sull’Appennino è seriamente intenzionata a fare sul serio nel corso delle prossime 72 ore, a causa della perturbazione numero Quattro del mese di Novembre: si tratterà di una perturbazione molto intensa, destinata a lasciare il segno in molte zone di Marche, Abruzzo, Molise, Puglia e Basilicata a causa della formazione di forti temporali, grandinate e soprattutto a causa di imponenti nevicate in arrivo sull’Appennino centrale. Tanta la neve in arrivo anche su molti settori di Lazio, Campania, Umbria e Toscana, sebbene non saranno i più esposti, dato che il fronte perturbato viene da Est, sarà accompagnato da fortissime raffiche di vento e sarà molto duraturo.

Le prime nevicate inizieranno in queste ore serali su Abruzzo, Lazio e Molise, ma non si tratterà di fenomeni duraturi. Da domani, Giovedì 26 Novembre 2015, la perturbazione si approfondirà sul Mar Tirreno centro-meridionale e si intensificherà notevolmente, dando vita a forti raffiche di vento, temporali (con grandine e gragnola fino in pianura) e nuvolosità estesa e molto compatta su tante zone del Centro. Domani la neve sull’Appennino sarà abbondantissima, potrebbero cadere oltre 70/100 centimetri al di sopra dei 1500 metri di quota, mentre i fiocchi potrebbero raggiungere anche i 6/700 metri di quota a causa delle precipitazioni forti. Reiterazione dei fenomeni sulle medesime zone di Abruzzo, Molise, Lazio, Umbria e Marche anche nella giornata di Venerdì 27 Novembre, con nevicate in rialzo (900/1000 metri) ed accumuli molto elevati. Al termine del peggioramento potrebbero essersi registrati accumuli di neve superiori al metro/metro e mezzo in alta quota.