Egitto: forse localizzata la tomba di Nefertiti

Per la terza volta negli ultimi 12 anni è stata annunciata la probabile scoperta della tomba dove risiede Nefertiti, la regina egizia che visse nel XIV secolo a.C. raffigurata nel famosissimo busto conservato a Berlino.

nefertitiA darne notizia, questa volta, è addirittura il ministro delle Antichità egiziano Mahmoud el Damanti, che nella mattinata di sabato, durante una conferenza stampa tenutasi a Luxor, ha così spiegato le ragioni del proprio ottimismo: “Le nuove ricerche effettuate con l’uso di georadar nella tomba del faraone (Tutankhamon) hanno dimostrato che dietro i muri nord e ovest si celano “scoperte archeologiche”. Ne siamo sicuri al 90%”.

Se queste presunte scoperte siano o meno la tomba dell’ambita regina però, non è ancora dato di saperlo ma il sospetto che, al di la della camera funebre del giovane faraone, potesse nascondersi qualcos’altro che non si riusciva a portare alla luce c’era sempre stato. Damatry così ha proseguito in merito: “In precedenza avevamo affermato che c’era una probabilità del 60%” che dietro le mura si nascondesse qualcosa. Ma ora, dopo la lettura iniziale delle scansioni, ne siamo convinti al 90%”. C’è dunque da aspettare ancora un mesetto per riuscire a capire cosa, di preciso, sia stato rivelato dai georadar. Intanto il mondo accademico si divide. L’egittologo britannico Nicholas Reeved ha dichiarato che svolgerà indagini ulteriori per comprendere se vi possano essere passaggi per una camera nascosta ma, un’altra parte di studiosi, ritiene invece che il corpo della misteriosa Nefertiti possa in realtà già trovarsi fra quelli esposti nel Museo Egizio del Cairo.