In Italia record europeo di decessi dovuti all’inquinamento

ULTIMO AGGIORNAMENTO 13:34

inquinamento-in-italiaIn concomitanza con l’avvio dei lavori della Conferenza mondiale dell’Onu sul clima di Parigi, l’Agenzia europea per l’ambiente (Aea), ha reso noti i dati, allarmanti, che rivelano che in Italia nel 2012 si sono registrati 84.400 casi di morte prematura, rispetto alle normali aspettative di vita – su un totale di 491mila nella Ue -, dovuta all’inquinamento dell’aria.

Il nostro Paese si aggiudica così, in Europa, il triste primato.

Lo studio attribuisce la responsabilità di questa “ecatombe” in primis alle polveri sottili (Pm2.5), causa di 59.500 decessi; al biossido di azoto (NO2) e all’ozono che si riscontra nei bassi strati dell’atmosfera (O3), che hanno fatto rispettivamente 21.600 e 3.300 vittime in Italia.

La ricerca ha rivelato altresì che le micropolveri sottili sono le più pericolose per la salute dell’uomo, che provocano 403mila vittime nell’Ue e 432mila complessive nei 40 Paesi europei presi in esame nello studio.

L’esposizione al biossido di azoto e all’ozono invece causa circa 72mila e 16mila decessi prematuri nei 28 Paesi dell’Unione, 75mila e 17mila nei 40 Paesi europei.

In Italia l’area maggiormente interessata dalla presenza delle micropolveri sottili si conferma quella della Pianura Padana, con Brescia, Monza, Milano e Torino, che superano il limite fissato a livello Ue di una concentrazione media annua di 25 microgrammi per metro cubo d’aria, sfiorata invece da Venezia.

Seguono poi altre grandi città come Roma, Firenze, Napoli, Bologna e Cagliari, che via via stanno superando la soglia più bassa indicata dall’Organizzazione mondiale della sanità (Oms), fissata a 10 microgrammi per metro cubo.

Appare chiaro dunque che ridurre l’inquinamento è una priorità, che deve coinvolgere tutte le nazioni ma anche il singolo individuo che, dal cato suo, può intervenire con semplicissimi accorgimenti; basta dare un’occhiata in rete e consultare i siti delle numerose associazioni che in questo senso forniscono numerose indicazioni.

Iscriviti al canale Telegram di NewNotizie per non perdere nessun aggiornamento: CLICCA QUI!