Scontro Russia-Turchia: Putin convoca Consiglio di Sicurezza dell’Onu

ULTIMO AGGIORNAMENTO 12:45

Il braccio di ferro tra Mosca ed Ankara non si ferma. Dopo le accuse reciproche di collaborazione con lo Stato Islamico nella vendita illegale di petrolio, adesso è il turno dello scontro diplomatico.

russia-turchia2Il Cremlino ha infatti chiesto la convocazione in sede Onu di una seduta straordinaria del Consiglio di Sicurezza, nella quale discutere del comportamento provocatorio dello stato turco. Vari, a questo punto, sono gli episodi dei quali i due Paesi si accusano reciprocamente. A cominciare dalla Turchia, che ha ricevuto dal governo centrale di Bagdad il monito di rimuovere, entro 48 ore al massimo, la linea di contingenti d’assalto schierata in una base vicino a Mosul.  La Russia, invece, viene accusata da Ankara di aver attraversato il Bosforo con una nave da guerra carica di missili pronti al lancio. Una vera “provocazione”, come l’ha definita il ministro degli Esteri turco Mevlut Cavusoglu. E sempre lo stesso ministro ha convocato d’urgenza l’ambasciatore russo per avere chiarimenti in merito. La nave individuata è la “Caesar Kunikov” e, da quanto si è appreso in queste ore, ha compiuto tale attraversamento diretta nel Mediterraneo. Cosa, tra l’altro, consentita esplicitamente dalla convenzione di Montreux ma, come chiariscono le autorità turche, a bordo del natante v’era un soldato con in spalla un lanciamissili terra-aria pronto all’uso. “Tutte le risposte necessarie a situazioni giudicate come una minaccia saranno prese prontamente” tuonano dal Bosforo. E se un cargo russo rimane bloccato nel porto di Samsun, sul Mar Nero, per presunte irregolarità nei documenti, si capisce bene che la “guerra di ritorsione” tra Russia e Turchia è appena iniziata.

 

Giuseppe Caretta

Iscriviti al canale Telegram di NewNotizie per non perdere nessun aggiornamento: CLICCA QUI!