Nigeria, bambini kamikaze uccidono 6 persone ad un chek-point

Security officers stand guard at the scene of an  explosion at a mobile phone market in Kano, Nigeria. Wednesday Nov. 18, 2015. The suicide bomber exploded as truckers were tucking into dinner at the bustling marketplace where vendors urged them to buy sugar cane. At least 34 people were killed and another 80 wounded in Yola, a town packed with refugees from Nigeria's Islamic uprising, emergency officials said Wednesday. (ANSA/AP Photo/Muhammed Giginyu)
Nigeria, bambini kamikaze uccidono 6 persone ad un chek-point – ANSA

In Nigeria oggi, Lunedì 21 Dicembre 2015, c’è stata l’ennesima tragedia dall’inizio dell’anno che va attribuita al famigerato Boko Haram, il gruppo jihadista più pericoloso, vasto e seguito dell’intero continente africano, quello che qualche settimana fa ha causato una strage in un grande albergo del Mali. Si tratta purtroppo della stessa metodologia utilizzata dai terroristi fondamentalisti islamici di Boko Haram, ovvero l’utilizzo di bimbi kamikaze contro punti strategici e logistici in alcune aree del paese.

La strage, ad opera di tre bimbi kamikaze, è avvenuta al checkpoint dello stato del Borno: qui tre bambini dall’età compresa tra i 10 ed i 15 anni si sono fatti saltare in aria causando la morte di almeno altre sei persone. La zona del Borno si trova nell’area Nord-Orientale della Nigeria, una delle zone più pericolose dell’intero continente africano, qui purtroppo le stragi di Boko Haram sono molto frequenti.