Ancora una tragedia in mare: 19 morti e 14 dispersi al largo di Smirne

E’ ormai una conta senza fine. Altri 19 migranti, tra i quali 6 bambini, sono morti annegati nelle acque del Mar Egeo. sbarchiL’imbarcazione sulla quale viaggiavano si è ribaltata, probabilmente a causa delle avverse condizioni atmosferiche. Altri 14 persone risultano disperse. L’agenzia di stampa Dogan riferisce che la tragedia è avvenuta a due miglia al largo della costa turca di Bademli. L’intento era quello di raggiungere l’isola di Lesbo ma il piccolo natante in legno non ha retto al mare grosso e, per molti dei passeggeri purtroppo non c’è stato nulla da fare. I loro corpi sono stati rinvenuti su una spiaggia vicino la città di Smirne.  Quello di oggi è solo l’ultimo di una lunga lista di naufragi. Martedì altri 11 migranti sono annegati sempre al largo della Turchia e le autorità di Ankara hanno fatto sapere che nel 2015 il numero di superstiti tratti in salvo ha raggiunto la cifra di 80 mila persone. Oltre a queste c’è il numero di morti annegati: 3 mila migranti che non hanno superato la dura prova delle traversate per raggiungere l’Europa. Non si ferma, quindi, il flusso di arrivi verso le coste greche. Neanche il rigido clima invernale è un deterrente sufficiente. Oltre 600 mila persone hanno raggiunto quest’anno la Grecia tramite la Turchia.

Giuseppe Caretta