Clima impazzito: fioriscono le mimose e le zanzare non muoiono più

Un inverno completamente sballato, quello che sta caratterizzando quest’ultima parte del 2015. Le temperature, abbondantemente sopra le medie, restituiscono immagini di gente in spiaggia a Palermo e di giovani in maniche natale palermocorte a New York. In Italia non piove da  più di tre settimane e la Coldiretti informa che, quello di dicembre, è stato un mese con un’assenza quasi totale di precipitazioni (-95%), seguito ad un novembre nel quale le temperature massime erano state di 2,5 gradi in più della media. Le piogge, anche il mese scorso, erano calate del 45%. Tutto ciò ha creato una situazione paradossale, con primule, viole e mimose già in fiore. Cresce anche l’erba nei campi e una storica siccità invernale ha addirittura fatto scattare l’allarme incendi nei boschi. Molti corsi d’acqua risultano praticamente ridotti ai livelli che presentano durante la stagione estiva. Paradossi che interessano anche gli animali: i ghiri non vanno più in letargo e le zanzare, ad esempio, continuano a vivere ormai forti di un numero di generazioni ben superiori alla norma. Male anche per l’agricoltura, dove l’assenza di freddo ha interrotto la moria invernale di tutta una serie di insetti patogeni che ancora continuano ad infestare i campi.

Giuseppe Caretta