Serie A Milan, Cerci passa la notte al Casinò

0f58cd2b20c0c80f70ca71cc5f408f8a_62460_immagine_obigDopo l’incresciosa situazione sui social esce un’altro retroscena sulla vicenda Cerci- Milan. L’attaccante romano in questo periodo non ne combina una giusta, oltre al cattivo rendimento in campo, l’ex Torino si fa redarguire dalla dirigenza rossonera per le sue abitudini fuori dal rettangolo da gioco. Sembra, infatti, che Il calciatore milanista sia stato beccato in un casinò, Il Campioni d’Italia, fino a notte fonda dopo la sconfitta del Milan con il Bologna. Mihajlovic interrogato, nella conferenza stampa del pre partita contro la Roma, sulla vicenda ha prontamente smentito che l’esclusione di Cerci dalla panchina per il match contro la Roma sia dovuta alla vicenda casinò, il tecnico Rossonero ha chiarito che si tratta di una scelta tecnica.

La Società ed il giocatore sono da tempo in cattivi rapporti, Il Milan ha cercato di venderlo per fare cassa, ma il calciatore in un primo momento aveva fatto resistenza al trasferimento in prestito al Genoa con cui i rossoneri avevano un accordo di massima. A peggiorare la situazione la disastrosa prestazione contro il Torino, dove il suo clamoroso errore davanti la porta è costato al Milan i tre punti, adesso la vicenda casinò e l’esclusione dalla panchina per Roma Milan  che completano il quadro in una relazione giunta alla fine. Secondo le ultime indiscrezioni Alessio avrebbe già accettato il trasferimento al Genoa, ora il Milan attende solamente il sì del Atletico Madrid per completare l’operazione.

Fabio Scapellato