14 Gennaio 2016: la Chiesa celebra San Felice da Nola

Santo-del-Giorno-14-Gennaio-San-Felice-da-Nola-Il 14 Gennaio la Chiesa festeggia San Felice da Nola, detto anche In Pincis, martire e confessore nato nella città di Nola nella seconda metà del III secolo d.C.

Tutto quanto si sa circa questo santo ci giunge dai carmi natalizi di San Paolino di Nola, scritti tra il 395 e il 409, che raccolgono i racconti della tradizione orale del territorio nolano, nella provincia di Napoli.

Secondo San Paolino il sacerdote, divenuto collaboratore di San Massimo – che all’epoca era vescovo di Nola -, era figlio di un ricco siro trasferitosi in Italia per lavoro.

Durante le persecuzioni cristiane fu imprigionato e torturato. Salvato da un angelo e con l’aiuto della Divina Provvidenza, Felice riuscì più volte a sottrarsi agli infedeli e a fuggire da Nola, ove fece rientro nel 313. Qui rifiutò l’episcopato e visse in povertà, cibandosi dei soli frutti del suo orticello, fino alla fine dei suoi giorni.

Morì il 14 Gennaio 313.

Sebbene il Santo protettore di Nola non sia stato ucciso, è riconosciuto come Martire dalla Chiesa per i molteplici patimenti affrontati in vita.

Le sue spoglie giacciono presso le Basiliche Paleocristiane di Cimitile e la sua tomba fu detta Ara Veritatis (“Altare della verità”), perché gli si attribuiva particolare efficacia contro la falsa testimonianza.

Michela De Minico