Attacchi terroristici a Giakarta, Isis rivendica

GiakartaNella mattinata di oggi, Giakarta, capitale indonesiana è stata vittima di un forte attacco terroristico. Il bilancio è di sette vittime, cinque attentatori e due civili. Ancora sconosciute identità e nazionalità.

Tutto è iniziato con un uomo che si è fatto esplodere in uno Sturbucks in Tahmrin Street nel centro della città. Zona che ospita a parte l’affollatissimo centro commerciale Sarinah, anche il palazzo delle Nazioni Unite.

Nel frattempo altri uomini armati hanno iniziato a sparare fuori dal caffè. L’arrivo della polizia indonesiana è stato quasi immediato e ne è dunque conseguito uno scontro a fuoco con gli assalitori.

Si parla di almeno sette esplosioni in totale, ma la dinamica dei fatti è ancora da chiarire.

La polizia dichiara che l’attentato volesse imitare i recenti attacchi terroristici di Parigi. Inoltre un coinvolgimento dell’ Isis è ormai sicuro dopo il comunicato stampa rilasciato all’agenzia Aamaaq legata allo Stato Islamico. Secondo il capo della polizia indonesiana uno degli organizzatori dell’attacco sarebbe Bahrun Naim, un indonesiano legato all’ Isis in Siria.

Il presidente indonesiano Joko Widodo dichiara: ” Non dovremmo essere preoccupati o sconfitti da atti di terrore come questo”.

La preoccupazione maggiore è adesso quella del ritorno di combattenti indonesiani appartenenti all’ Isis che potrebbero ritornare in patria e aumentare la schiera del terrore.

L’Indonesia, Paese di 250 milioni di abitanti, è al 90 per cento musulmano in cui prevale un Islam moderato, anche se negli ultimi anni è emersa una frangia radicale contenuta, ma influente.

Carmela La Spina