Serie A 20a giornata: una brutta Inter non va oltre il pari a Bergamo

ataAll’ Atleti Azzurri d’Italia l‘Inter di Mancini cerca il riscatto dopo la sconfitta di settimana scorsa contro il sorprendente Sassuolo di Di Francesco, mentre l’Atalanta di Reja deve dimostrare di poter uscire da un tunnel lungo tre partite. La squadra di Reja ci prova nei primi minuti facendo gioco sulla sinistra con un ispirato ‘papu’ Gomez ed il senegalese Dramè che prendono d’infilata in due, tre occasioni il povero D’ambrosio incapace di tenere il passo dei due. La prima occasione della partita è per i bergamaschi che al quinto minuto su un azione partita dalla sinistra arriva al tiro con Dramè ottima la risposta di Handanovic la cui respinta, corta, finisce sulla testa di Kurtic che spreca la palla del possibile 1 a 0; al 16′ l’Atalanta va in vantaggio, ancora Dramè , dopo uno scambio con Gomez, entra in area e tira debolmente, sulla traiettoria del tiro interviene Murillo che spinge però la palla nella propria porta. L’Atalanta galvanizzata dal vantaggio pressa a tutto campo ed al 22′ minuto ruba palla ad un confuso Murillo sfiorando poi il 2 a 0 con Monachello. Qualche minuto più tardi l’Inter si scuote e dopo una bella combinazione con Jovetic al limite, Icardi mette un pallone teso in area che il Brasiliano Toloi sbuccia e manda nella propria porta. La partita cala d’intensità, Jovetic spreca una buona occasione dal limite cercando un tiro a giro al 31′. L’ultima occasione è per padroni di casa che trovano ancora un triangolo ispirato dal numero dieci bergamasco e rifinito da un tocco delizioso di Cigarini per Monachello che calcia al volo ma anche in questo caso Handanovic si fa trovare pronto.

Nel secondo tempo nessun cambio da ambo le parti , e non cambia nemmeno lo spartito della partita, l’Atalanta attacca per i primi 20′ minuti e sfonda sempre da sinistra dove un incontenibile Gomez crea gioco, mentre l’Inter, lenta nel palleggio, non riesce a creare gioco. Al 6′ minuto sugli sviluppi di un calcio d’angolo di Gomez, Toloi prova a farsi perdonare per l’autogol ma Handanovic si supera con una parata meravigliosa, sei minuti più tardi ancora Gomez dalla sinistra mette un pallone in mezzo una carambola favorisce Cigarini che in sforbiciata calcia a botta sicura ma uno strepitoso Handanovic chiude la saracinesca. Dopo i primi venti minuti a grande intensità cala l’Atalanta che concede spazio sulle fasce, l’inter ci prova mettendo per tre volte Icardi in condizione di calciare ma in tutte e tre le occasioni il capitano dell’Inter è impreciso.

Mancini prova ad approfittare del calo fisico dei bergamaschi mettendo prima Perisic, e poi Biabiany, ma senza risultato. Ancora un occasione per i padroni di casa sempre con il numero 10 ad illuminare la manovra ma Monachello a due passi dalla porta manda il pallone in tribuna. Nel recupero l’Inter potrebbe fare il colpaccio, Palacio entrato da pochi minuti viene smarcato da un filtrante di Brozovic ma l’argentino perde l’attimo buono per servire Icardi a porta sguarnita. Finisce 1 a 1 con più rimpianti per L’Atalanta che per la squadra di Mancini.

Formazioni:

ATALANTA (3-5-1-1): Sportiello, Masiello, Toloi, Cherubin; Conti, Cigarini, De Roon, Kurtic, Dramé; Gomez; Monachello. Allenatore: Reja

INTER (4-3-3): Handanovic; D’Ambrosio, Miranda, Murillo, Telles; Guarin, Medel, Brozovic, Ljajic, Icardi, Jovetic. Allenatore: Mancini.

Reti:17′ autorete Murillo,25’autorete Toloi

Fabio Scapellato