Oscar 2016 fra belle sorprese ed esclusioni eccellenti

Giusto il tempo di rendere pubblica la lista delle Nomination e subito, come ogni anno, si scatena un effluvio di commenti più o meno polemici. Gli Oscar 2016, che verranno assegnati il prossimo 28 febbraio al Dolby Theatre di Los Angeles, vedono in lizza nomi più o meno noti, grandi sorprese ed assenze eccellenti. Oltre all’auspicato trionfo di Leonardo Di Caprio (riuscirà questa volta nell’impresa?) e alla bella sorpresa di  Mad Max: Fury road, che ha oscars-2016-predictionsottenuto un piazzamento nelle più importanti categorie (Miglior Film, Regista, Fotografia, Montaggio, Sonoro, Scenografia, Costumi), c’è da considerare l’esclusione di alcuni ospiti eccellenti.

A cominciare dal bizzarro piazzamento di Star Wars 7: il risveglio della forza. Uno dei film più attesi degli ultimi anni esce infatti in ciabatte dalle categorie principali e viene inserito in quelle “secondarie” come Montaggio, Colonna Sonora, Sonoro e Effetti Speciali. Seguono poi nomi come Riddley Scott (The Martian) e Ryan Coogler (Creed), entrambi esclusi dalla Miglior Regia. Stessa sorte per il “mostro sacro” Quentin Tarantino che, con il suo The Hateful Eight viene completamente ignorato per le sezioni Film, Sceneggiatura, Regia. Anche il film Steve Jobs (che però ha appena conquistato un Golden Globe) viene tagliato fuori dalle nomination per Miglior Sceneggiatura (di Aaron Sorkin), mentre l’ultimo della lista rimane l’opaco Johnny Deep che, superati i fasti degli anni passati, adesso non riesce ad entrare nel mirino di nessuna delle categorie in gara ed il suo Black Mass  rimane solo un titolo fra i tanti.

Giuseppe Caretta