Falso attentato a Firenze, denunciato un componente del gruppo Anonymous

C_4_articolo_2155752_upiImageppUn giovane di 29 anni, esperto informatico di Aosta, è stato identificato e denunciato dalla Polizia.

Il giovane, infatti, era noto all’interno del movimento Anonymous come “X” e, lo scorso 28 Dicembre, aveva rilasciato un’intervista nella quale dichiarava di aver sventato un attentato che l’Isis avrebbe portato a termine, di lì a breve, in Italia, a Firenze.

(GUARDA IL VIDEO)

La Polizia ha contestato al giovane “il reato di associazione a delinquere finalizzata all’accesso abusivo e al danneggiamento di sistemi informatici”.

Questa complessa indagine è stata condotta della Polizia postale , in particolare dal Centro nazionale anticrimine informatico per la protezione delle infrastrutture critiche (Cnaipic), e coordinata dal procuratore aggiunto di Roma Giancarlo Capaldo e dal sostituto procuratore Eugenio Albamonte.

Ciò che ha inchiodato il giovane sono stati alcuni particolari nelle modalità di diffusione sul web della rivendicazione del presunto attentato sventato e nell’indicazione della città di Firenze quale sede del fatto: questi particolari e la successiva dissociazione di Anonymous dai comunicati e dai video effettuati da “X”, hanno permesso di stringere il cerchio intorno al giovane di Aosta.

Inoltre sul profilo Twitter @OpParisOfficial, X aveva pubblicato un video nel quale veniva indicata la città di Firenze quale obiettivo dell’attacco, ma pochi giorni dopo, Anonymous Italia si era dissociato dai comunicati e dai filmati realizzati da X.

L’abitazione di quest’ultimo è stata perquisita due giorni fa ed è stato sequestrato numeroso materiale informatico la cui analisi potrà chiarire se alla bufala abbiano partecipato anche altre persone.

 

Chiara Lomuscio