Allarme terrorismo a Roma, uomo armato a Roma Termini

Allineamento sinistra dimensione mediaAttimi di puro terrore a Roma, precisamente alla Stazione Ferroviaria “Roma-Termini”.

Ieri sera, infatti, un uomo ha seminato letteralmente il panico in stazione dove si aggirava con un fucile in mano.

La polizia, allertata da alcuni passeggeri della presenza dell’uomo armato, ha immediatamente fatto bloccare lo scalo ed ha individuato l’uomo che, dalla prime notizie trapelate, sembra essere un italiano.

L’uomo, con un cappellino ed una giacca celeste, aveva in mano un fucile rivolto a terra ed è stato segnalato inizialmente presso la stazione metro di Termini, poi è salito al piano superiore, quello della stazione ferroviaria, ed ha preso un treno per Anagni, come hanno rivelato le telecamere di sorveglianza della stazione.

Immediatamente è partito il piano anti-terrorismo da parte della questura con 70 agenti, comprese le squadre speciali anti terrorismo, alla caccia dell’uomo che, però, era già salituo sul treno locale per la provincia di Frosinone.

Verso le ore 21:00, l’uomo armato è stato bloccato da un carabiniere proprio sul treno, in prossimità di Anagni, poichè aveva un’arma giocattolo con tanto di tappo rosso identificatorio, ma poi è stato lasciao andare dal momento che la circostanza non era stato affatto collegata con l’allarme scattato a Roma Termini.

Una volta giunti a destinazione, però, il militare ed il capotreno hanno saputo della caccia all’uomo
e vedendo alcune fotografie delle telecamere di servizio lo hanno riconosciuto.

Una volta controllato l’uomo, le autorità hanno constatato la sua non pericolosità dichiarando:

“E’ un italiano di 40 anni, con problemi comportamentali, uno “sbandato”. E l’arma è palesemente un’arma giocattolo con tanto di tappo rosso.”

 

Chiara Lomuscio