Videogiochi: dopo 7 anni d’attesa esce il nuovo Street Fighter

sfvDopo anni di attesa dall’uscita di Street Fighter IV, avvenuta nel 2009, tra poco più di una settimana potremo finalmente mettere le mani sull’ultimo capitolo della saga di combattimento più famosa al mondo. Street Fighter V è stato annunciato da un trailer non ufficiale il 5 maggio 2014 in esclusiva console per PS4, il gioco poi è stato provato per la prima volta durante l’E3 2015 dagli addetti ai lavori, mentre i fan lo hanno potuto testare durante l’open beta dello scorso settembre, utilizzata dalla software house nipponica per individuare le preferenze degli appassionati nella modalità multiplayer on line. L’attenzione sul gioco è stata tenuta viva in questi mesi grazie ai molteplici video trailer di presentazione dei personaggi ed ora il 16 febbraio tutti potranno acquistare la versione definitiva.

Si tratta del primo capitolo del picchiaduro di Capcom in questa generazione di console, per quanto riguarda il gameplay questo nuovo episodio della serie prenderà spunto dalla formula di gioco del suo predecessore, dove si potevano utilizzare due combattenti per volta con la possibilità di alternarli in qualsiasi momento dello scontro per creare combo devastanti necessarie a mettere KO l’avversario di turno. Tra le novità oltre alla veste grafica rinnovata per soddisfare gli standard qualitativi odierni, c’è l’introduzione di diversi personaggi, i quali apporteranno l’ingresso di nuovi stili di combattimento, che si aggiungono a quelli ormai classici della serie( Ryu, Ken, Chun Lee, etc).

Il primo Street Fighter risale al 1987 ma il successo commerciale è arrivato solamente nel ’91 con il secondo capitolo, da quel momento in poi il brand è stato identificativo di un vero e proprio universo, prima uscirono il manga e la serie animata nel ’94, poi dato il grande successo, nel ‘ 95, il picchiaduro di Capcom è diventato un film con protagonista Van Damme nei panni di Guil (uno dei personaggi più amati della serie). Negli anni 2000 la serie ha subito una flessione dovuta all’ampliamento del mercato ed alla nascita di altri generi di gioco che hanno soppiantato i picchiaduro nelle preferenze dei videogiocatori. Ciò nonostante la serie di Capcom ha mantenuto una solida fan base sia in Giappone che negli Stati Uniti dove ogni anno si svolgono i campionati mondiali di Street Fighter. Capcom con questo nuovo gioco conta di vendere almeno 2 milioni di copie e spera di riuscire riscrivere i dettami del genere per tornare ad essere il metro di paragone nello sviluppo dei picchiaduro.

Fabio Scapellato