Homefront The Revolution supera il beta test a pieni voti

Homefront,_The_Revolution_logoCi sono voluti anni ma pare che la gestazione di Homefront The Revolution sia arrivata alle fasi finali. la software house Dumbuster Studio ha cominciato la fase di beta testing con la prima sessione di multiplayer online la scorsa settimana. All’evento sono state invitate le maggiori testate internazionali che sono rimaste piacevolmente sorprese dal gioco che sembra avere una gran numero di idee nuove ed interessanti anche se i lavori di pulizia sono molto arretrati considerando che manca solo un mese all’uscita ufficiale del gioco.

Homefront è il seguito di un first person shooter sviluppato originariamente da Kaos Studio, il fallimento del progetto originario aveva portato alla chiusura della software house da parte di THQ nel 2011 ed il brand era stato acquistato da Deep Silver che l’anno successivo ha intrapreso lo sviluppo del seguito affidandolo appunto a Dumbuster Studio. La storia di Homefront The Revolution è stata ambientata due anni dopo la conclusione del precedente capitolo e quattro anni dopo l’occupazione da parte della Grande Repubblica di Corea degli Stati Uniti, il personaggio principale fa parte della resistenza americana ed insieme agli altri ribelli tenterà, nel corso del gioco, di liberare la sua nazione dagli invasori. In questo scenario fantapolitico il gameplay sarà molto più variegato rispetto al primo gioco, in questo seguito, infatti, invece del classico sparatutto avremo a che fare con un open-world stile Far Cry dove il giocatore è libero di esplorare i distretti e di potenziare le proprie capacità e gli oggetti. Anche dal punto di vista grafico sono stati fatti passi da gigante grazie al motore grafico dei Cryteck che permette di avere più dettagli e maggiore fluidità negli scontri. Tutte queste caratteristiche lo hanno reso uno dei giochi più attesi del 2016 anche grazie alle demo mostrate durante il corso del 2015 a cui mancava però la componente multiplayer mostrata solo qualche giorno fa.

La prova dell’online competitivo sembra aver confermato quanto di buono si era intravisto nei mesi precedenti durante le fiere, la versione mostrata alla stampa era quella Xbox One e nonostante la risoluzione bloccata a 900p ed il cali di framerate( problemi che dovrebbero essere risolti nella versione definitiva) il parere degli addetti ai lavori è stato estremamente positivo.

Fabio Scapellato