Omicidio Vannini: il 9 febbraio comincerà il processo alla famiglia Ciontoli

ULTIMO AGGIORNAMENTO 11:10

Continua a tenere con il fiato sospeso il terribile omicidio del giovane Marco Vannini, avvenuto in circostanze ancora Emanuele Rossi - CASO MARCO VANNINI  LADISPOLInon del tutto chiare mentre si trovava in casa dei genitori della fidanzata. Ieri la trasmissione Quarto grado ha mostrato le immagini del 18esimo compleanno della fidanzata Martina. Fra i protagonisti di quel filmato, il giovane Marco sedeva sorridente al fianco della festeggiata. Il destino, talvolta, si cela dietro volti familiari. E poi le riprese effettuate dai carabinieri durante l’attesa degli interrogatori. Martina, il fratello Federico, la fidanzata Viola. Tutti complici di un omertoso patto per tenere celata la verità? Il 9 febbraio, presso il Tribunale di Civitavecchia, si aprirà il processo a carico dei cinque indagati, tra i quali il tenente dell’Aeronautica Antonio Ciontoli e sua moglie. Di lei c’è un atteggiamento che ha molto perplesso in questi mesi. Qualche giorno dopo la morte del giovane, infatti, fece un giro in casa dei vicini per domandare loro cosa avessero sentito di preciso la notte dell’omicidio. Nel frattempo Marina, mamma di Marco, afferma in lacrime ai cronisti: “Sono stati crudeli e insensibili. Dopo la sparatoria, avvenuta in circostanze ancora misteriose, Marco è stato lasciato agonizzante per ore. Mio figlio si sarebbe salvato se il 118 fosse stato allertato subito e non dopo un’ora e mezza. Non lo dico io, lo hanno scritto i medici. Ma i Ciontoli, dimostrandosi senza cuore, lo hanno lasciato morire inscenando un “teatrino” fatto di bugie e di menzogne”.

Una volta che il processo prenderà avvio è probabile che venga disposto il rinvio a giudizio al fine di consentire i necessari approfondimenti di questo torbido “giallo della porta chiusa”.

Giuseppe Caretta

Iscriviti al canale Telegram di NewNotizie per non perdere nessun aggiornamento: CLICCA QUI!