Donnarumma studia per diventare il nuovo Buffon

AC Milan v US Sassuolo Calcio - Serie AGigio Donnarumma è diventato oggi una certezza per il Milan e per il Calcio italiano, erano in molti quelli che storcevano il naso quando Mihajlovic lo ha lanciato da titolare al posto di Diego Lopez ad inizio campionato ma dopo le ultime prestazioni tutti si sono dovuti ricredere ed ormai tutti vedono in lui il sostituto dell’eterno Buffon.

La carriera di Donnarumma al Milan è cominciata all’età di 13 anni quando l’osservatore dei rossoneri responsabile del settore giovanile Mauro Bianchessi ha portato il suo giudizio sul ragazzo ad Adriano Galliani, nella nota il capo Scout scriveva: “struttura fisica: impressionante. Forza e tecnica: dotatissimo. Lettura della partita e copertura della porta e del campo: impressionante. Ragazzo positivo: il più forte visto in 25 anni di carriera”. L’Ad rossonero non si è fatto pregare è subito volato a Napoli ed ha acquistato il giovane talento portandolo a Milanello insieme al fratello Antonio, da quel momento in poi il giovane portiere ha bruciato le tappe a 14 anni era già il portiere titolare della primavera di Filippo Inzaghi. L’anno dopo, Inzaghi, che era un suo grande ammiratore,  promosso allenatore della prima squadra lo ha portato con lui in diverse occasioni permettendogli di allenarsi con la prima squadra.

Quest’estate il ragazzo è stato promosso come seconda scelta in porta davanti al veterano Abbiati, poi le scarse prestazioni di Diego Lopez hanno convinto Sinisa Mihajlovic a provarlo durante il trofeo Berlusconi e da quel momento in poi il 16enne napoletano non è mai stato sostituito, la dirigenza quindi gli ha offerto il primo contratto da professionista, un triennale che lo lega al Milan fino al 2019, che probabilmente verrà ritoccato al raggiungimento della magiore età. Le sue prestazioni hanno confermato le sue grandi qualità sia tra i pali che nelle uscite, Donnaruma ha il profilo del portiere moderno capace anche di fare partire la manovra con i piedi e di chiudere in difesa come un libero, queste caratteristiche hanno attirato le attenzioni dei maggiori club europei, il Manchester United ha addirittura offerto 40 milioni di euro ai rossoneri che, però, hanno rifiutato l’offerta dichiarandolo incedibile. Il Milan considera Donnarumma come il pilastro su cui fondare il nuovo ciclo per questo motivo potremmo vederlo a difendere la porta dei rossoneri nei prossimi vent’anni.

Fabio Scapellato