Isis, così vengono puniti i ladri nello stato islamico

isis ladri punitiLo Stato Islamico dell’ISIS è abbastanza noto per i suoi metodi barbari e per le sue violazioni dei diritti umani. Questa volta l’ennesima prova della disumanità di questo movimento politico e religioso estremista proviene da alcune fotografie, nelle quali viene dimostrato come i ladri siano puniti nei territori controllati dal Califfato. Infatti, il movimento ha rilasciato delle fotografie relative a delle punizioni inflitte ad un ladro nella città di Raqqa. Ovviamente, il contenuto di quest’ultime è molto cruento e violento. Osservandole, è facilissimo scorgere un boia armato di un grosso coltello per la carne, che taglia una mano a una persona colpevole di furto. Inoltre, il Califfato ha cercato di dare grande diffusione a queste fotografie, per favorire ancora di più la propaganda politica a favore dello stesso Stato Islamico.

Orrori e torture applicati anche in altre circostanze

Ovviamente, la galleria degli orrori legata ai metodi utilizzati dall’ISIS non termina qui. Infatti, il Califfato è solito utilizzare la prevaricazione e la violenza anche in altre circostanze. Si sono registrati molti casi di donne adultere e omosessuali gettati dai tetti. In altri casi sono stati utilizzati altri metodi violenti e cruenti come crocifissioni e lapidazioni. Insomma, ciò è la prova che il Califfato stia diventando una minaccia sempre più seria in Medio Oriente e sia intenzionato ad utilizzare le strategie più barbare per spaventare la popolazione locale.

Bruno Martino