Vittorio Sgarbi e il messaggio shock su Facebook. (Caso Vendola)

870-3642_vittorio-sgarbiVittorio Sgarbi espone il suo pensiero circa le unioni civili e la possibilità di concedere ad una coppia omosessuale di adottare un figlio.

Il giornalista scrive: “Non può essere, quello appena nato, il figlio di Vendola. Dal culo non esce niente.
Vendola ha un marito ed è contemporaneamente padre. Due persone dello stesso sesso non generano. Ma di cosa stiamo parlando? I bambini devono essere concepiti, educati e evoluti sulla base di ciò che la natura consente.
Di bambini bisognosi è pieno il mondo, e si possono aiutare in tanti modi. Quel bambino è una persona che si sono costruiti a tavolino, come un peluche. E’ insopportabile“.

Subito il web si è diviso in due parti: da una parte chi ha sostenuto fermamente la sua tesi, dall’altra chi lo ha etichettato come burbero ed arcaico. In particolare, non si può non menzionare il commento di un utente, che avrebbe scritto: “Celibe, ha riconosciuto due figli, dichiarando in merito: «Sono contrario alla paternità. Quella del padre non è una categoria a cui ritengo di dover appartenere. Ciò detto sono anche contrario all’aborto. Ci sono donne che hanno voluto figli da me, non io da loro perché non può esserci l’obbligo di diventare padre»
E, con queste premesse, hai il coraggio di giudicare chi, invece, padre lo vuole essere? Ipocrita!“.

Voi da che parte state?

Stefania Titone