Libia: i due ex ostaggi sono rientrati in Italia

Libia: atterrato a Ciampino aereo con ostaggi liberatiC’è grande soddisfazione per il rientro in Italia dei due tecnici della Bonatti sequestrati in Libia. Sta mattina alle cinque è atterrato un aereo speciale arrivato a Roma da Tripoli con a bordo Calcagno e Pollicardo, i due rientrano in Italia dopo una prigionia durata mesi. Il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, ha inviato, in mattinata, un messaggio di cordoglio alle famiglie di Failla e Piano: gli altri due tecnici coinvolti nel sequestro e brutalmente uccisi durante uno scontro a fuoco. Mattarella ha poi espresso, in un altro comunicato, la propria soddisfazione per il rilascio ed rientro degli altri due prigionieri ottenuto dopo un estenuante braccio di ferro tra il governo italiano e quello libico.

Dopo essere stati accolti dal ministro Gentiloni, Pollicardo e Calcagno, hanno potuto riabbracciare finalmente le loro famiglie che li attendevano all’aereoporto di Ciampino con il groppo in gola. Adesso i due italiani devono incontrarsi con il PM Colaiocco per fare chiarezza sulla vicenda. Sono ancora molti, infatti, i punti oscuri sul rapimento dei tecnici della Bonatti: innanzi tutto bisogna capire l’identità dei rapitori, poi la modalità del rilascio e sopratutto il motivo dell’uccisione degli altri due tecnici Failla e Piano. C’è ancora molta incertezza sul rientro delle due salme e sulla loro posizione, i corpi sono in mano al governo libico e si suppone che siano ancora a Sabrata.

Fabio Scapellato