Messico, tre giovani uccidono un amico per un rito satanico: speravano diventasse un vampiro

uccidono l'amico in un rito satanicoUn omicidio terribile, conseguenza di un macabro gioco tra ‘amici’, costato la vita al 24enne messicano di Chihuahua Edwin Juarez Palma. Il giovane, cameriere di professione, è stato torturato a morte da tre ragazzi che lo hanno strangolato ed ucciso dopo la sua partecipazione ad un rito di iniziazione: appassionato di vampiri, Edwin desiderava entrare nella setta satanica I figli di Baphomet I. Attirato nei bagni di un cybercafè della località messicana, il 24enne è stato però torturato fino alla morte da Iveth Lopez, 18, Gustavo Dorantes, 18 e Omar Sanchez, 25 anni, che ora rischiano fino a 40 anni di carcere.

I tre hanno legato le mani di Edwin dietro la sua schiena iniziando poi a colpirlo per ucciderlo in modo tale, hanno raccontato alle autorità incredule, che rinascesse sotto forma di vampiro. Dopo il pestaggio lo hanno sgozzato per poi abbandonare il corpo senza vita per strada, fingendo che il ragazzo fosse stato ucciso in seguito ad un regolamento di conti legato alla droga. La notizia, riportata da El Universal, è tra le più macabre degli ultimi mesi: il corpo senza vita di Edwin è stato trovato dalla polizia martedì scorso, nascosto all’interno di alcuni sacchi lasciati sul ciglio della strada. Grazie ad alcune tracce di sangue trovate nel bagno del cybercafè, le forze dell’ordine hanno potuto avviare le indagini che hanno permesso loro di risalire agli autori dell’efferrato omicidio; l’accurata pulizia con la candeggina, da parte dei tre assassini, non è dunque bastata ad occultare le tracce dell’omicidio.

Ma la vicenda non si è ancora conclusa: la polizia sta cercando anche un quarto uomo, considerato il capo della setta satanica, che è riuscito a dileguarsi nel nulla. Pablo Rocha, capo della polizia, ha dichiarato: “questo crimine ha avuto luogo nel corso di una cerimonia di iniziazione guidata da alcuni membri della setta satanica “I figli di Baphomet I”, durante la quale la vittima doveva diventare un vampiro. Tutto ciò che resta da fare è arrestare il leader della setta: sappiamo il suo nome, non resta che acciuffarlo”. La sorella della vittima, Alicia, ha scritto un breve messaggio sui social: “non siate tristi. So che fa male che lui non sia più con noi. Era mio fratello e la nostra famiglia sta soffrendo più di chiunque altro. Ma so che lui non avrebbe voluto vederci tristi per la sua partenza”.

Daniele Orlandi