In Bundesliga viene proposta la squalifica a sorteggio

ULTIMO AGGIORNAMENTO 15:43

La-singola-e-la-multi-gol-di-BundesligaLa Dbf ha deciso di prendere provvedimento contro quei giocatori, in odore di diffida, che per convenienza si fanno ammonire. Questo dopo che il centrocampista del Werder Brema, Zlatko Janutovic, ha ammesso, dopo l’incontro della scorsa settimana, di essersi fatto ammonire di proposito per saltare la gara di oggi pomeriggio contro il Bayern Monaco per ripresentarsi una settimana dopo in una gara decisiva per la salvezza. Non è il primo caso di giocatori che adottano questa tecnica per evitare di danneggiare la propria squadra, succede in ogni campionato( vedi l’ammonizione di Neymar contro il Rayo per non saltare gli impegni contro il Villareal ed il Real Madrid), ma in Bundesliga sembra essere diventata un’ abitudine.

Qualche settimana fa, infatti, ben cinque giocatori del Darmstat si erano fatti squalificare prima di una sfida contro la capolista, in vista di uno scontro salvezza previsto per la settimana successiva. La federazione calcistica tedesca in seguito alle dichiarazioni del centrocampista del Werder, ha deciso di multarlo di 200 mila euro ed ha studiato una soluzione per evitare che il trucco diventi sistematico e falsi la competizione. Il presidente ad interim della federazione tedesca ha, infatti, avanzato una proposta interessante:”Invece di squalificare un giocatore dopo la quinta o la decima ammonizione automaticamente per la partita successiva, si potrebbe sorteggiare la gara, fra le tre giornate successive, da fargli effettivamente saltare. In questo modo i furbetti verrebbero subito frenati”.

Questo tipo di provvedimento potrebbe prendere piede in tutta europa e permettere così di evitare questi calcoli da parte dei giocatori e degli allenatori, in molti casi, infatti, sono gli stessi tecnici a suggerire ai loro giocatori, ad esempio nel 2010 è stato lo stesso Mourinho a suggerire a Sergio Ramos e Pepe di farsi espellere per saltare una partita ininfluente. Al momento si tratta di una proposta ma molto presto una regola simile potrebbe entrare in vigore ed evitare definitivamente questi trucchi.

Fabio Scapellato