Piet Adriaan come Lorenzo Schoonbaert: segue il PSV da malato terminale

1425

Ci sono storie d’amore che vanno oltre il matrimonio, il rapporto uomo-donna o semplicemente l’affetto famigliare. Ci sono storie d’amore che si vivono anche sui campi di calcio, tra un tifoso e una squadra del cuore, che in questo caso è il PSV Eindhoven, e Piet Adriaan, che all’età di 88 anni si è riscoperto gravemente malato e dopo 52 anni al seguito della squadra olandese ha dovuto deporre le armi del tifo, ma solo temporaneamente.

Lo scorso weekend dei tifosi del boeren si sono organizzati per far sì che Adriaan potesse andare comunque allo stadio, dal quale mancava da un po’ di tempo a causa della sua malattia. Caricato su una barella, i tifosi lo hanno portato a vedere la partita con loro e lo stadio lo ha subito accolto con un applauso, per il suo lungo trascorso da tifoso della squadra di Eindhoven. Un’emozione unica sia per Piet Adriaan che è stato accolto al meglio da tutti i presenti, ma anche per tutti i tifosi che si sono schierati a favore di chi da oltre mezzo secolo è accanto agli stessi colori. Tantissima fedeltà ricambiata prontamente da un matrimonio indissolubile.

Non è comunque la prima volta che accade qualcosa del genere, perché un tifoso del Brugges, Lorenzo Schoonbaert, malato terminale così come l’ex steward Adriaan, ma in attesa dell’eutanasia, decise di rinviare tale appuntamento con la iniezione letale per poi così andare nuovamente al Jan Breydel, così da godersi la sua ultima partita insieme alla famiglia dinanzi alla sua squadra del cuore.