Berlusconi su Meloni sindaco: “Una mamma non può”. Si profila una doppia candidatura

Meloni Berlusconi SalviniNel caos che sta vivendo il centrodestra, si introduce un nuovo elemento di dibattito: una donna destinata a diventare madre può o meno candidarsi come sindaco? Secondo l’ex Premier Silvio Berlusconi, interpellato da ‘Radio Anch’io’, i due ruoli sarebbero sostanzialmente incompatibili: “Le donne hanno cinque mesi di lavoro non obbligatorio […]. E’ chiaro a tutti che una mamma non può dedicarsi a un lavoro terribile” come quello di essere sindaco della Capitale, giacché Roma si trova “in una situazione terribile. Fare il sindaco di Roma vuol dire stare in giro e in ufficio 14 ore al giorno”.

Le dichiarazioni del leader di Forza Italia giungono il giorno dopo le parole di Bertolaso (sindaco designato dalla gazebarie e dalla scelta di Berlusconi stesso) che aveva invitato la Meloni a fare la madre (attirando così critiche bipartisan).

Berlusconi, durante l’intervento in radio, ha quindi proseguito con una vera e propria stoccata ai suoi (a questo punto presunti) alleati: “Ci sono persone che per egoismo di partito cercano di spingere Giorgia a questo (a candidarsi come sindaco, ndr) e a fare il suo male”.

L’attacco, nemmeno troppo indiretto, è rivolto a Matteo Salvini che – ad ogni modo – prosegue nel considerare la Meloni il candidato adatto alla conquista del Campidoglio: il centrodestra presenterà quindi due candidati a sindaco (in aggiunta alla candidatura “di destra” di Storace)? E questa frizione andrà di fatto a minare le possibili alleanze future tra Lega e Forza Italia?