Meloni conferma: “Mi candido”. Ma per Berlusconi Bertolaso resta l’unico candidato possibile

Giorgia Meloni rompe gli indugi e rende ufficiale la propria candidatura a sindaco di Roma: “Sono venuta ad annunciare – ha detto ieri nella piazza del Phanteon – dopo attenta e accurata riflessione, che ho deciso di correre per la carica di sindaco di Roma. E’ una scelta d’amore. La posta in gioco è molto alta, si tratta di combattere il Governo Renzi e di restituire dignità a Roma.”

Inaspettatamente, quindi, il centrodestra correrà alle prossime comunali con due distinti canditati. La situazione ha già sparpagliato i leader in direzione del rispettivo favorito. Così Matteo Salvini scrive su twitter la sua posizione: 1430891431239.jpg--giorgia_meloni“sosterrò la Meloni – chiarisce il leader del Carroccio – A Milano abbiamo Parisi, sostenuto da una squadra forte e compatta, a Roma non c’erano le condizioni”. E poi aggiunge: “Il nostro obiettivo è di arrivare con Giorgia Meloni al ballottaggio, a quel punto, se il centrodestra vuole unirsi sarà unito e i romani ci daranno una mano.”

Di diverso avviso Silvio Berlusconi. Intervenuto a Mattino 5, l’ex presidente del Consiglio si è lasciato sfuggire alcune battute tipiche del suo temperamento: “Sono vecchio – ha detto – ed ormai con l’esperienza so benissimo che le donne fanno sempre quello che dicono loro”. Per lui, Bertolaso è una scelta insindacabile: “Abbiamo impiegato mesi per convincere il dottori Bertolaso a mettere da parte i programmi che aveva, tra l’altro insieme a me, di costruzione di ospedali nei Paesi poveri e di dedicarsi alla sua città, che è la Capitale, che è in una situazione di degrado dopo anni di mal governo. Con tutti gli altri leader del centrodestra lo abbiamo convinto, lo abbiamo confermato con le dichiarazioni pubbliche comuni, improvvisamente ci sono questi cambiamenti. Purtroppo devo prendere atto che c’è gente che cambia idea al cambiar della temperatura e dell’umidità.”

Nessuna frecciatina, invece, nei confronti di Salvini, ma Berlusconi ha una sua opinione personale che non si esime di condividere: “Penso che si sia fatto mal consigliare dai suoi – ha affermato –  I leghisti di Roma sono tutti ex fascisti, quindi hanno vecchie liti tra loro. Ma Bertolaso- ha concluso – vincerà al primo turno con la sua lista civica che sarà affiancata da quella di Forza Italia”

Giuseppe Caretta