Sciopero nazionale dei trasporti: domani giornata a rischio in tutta Italia

Una giornata di disagi su tutto il territorio nazionale, quella che potrebbe presentarsi domani nella rete dei trasporti pubblici. Le sigle sindacali Cub, Si-Cobas, Usi-Ait e Sbm hanno infatti proclamato un’intera giornata di mobilitazione per protestare “contro la guerra e la politica economica e sociale del governo Renzi”.

sciopero-700x519I tassisti, che in un primo momento avevano risposto alla convocazione, si sono però smarcati con l’intento di non intaccare il nuovo corso avviato col governo dopo che questi ha varato alcune misure in funzione anti-Uber.

Resta però congestionato praticamente tutto il rimanente settore. A partire da quello ferroviario, che si fermerà dalle 21 di oggi alle 21 di domani. La compagnia fa sapere, tramite il proprio sito, che le frecce circoleranno regolarmente mentre, per i treni regionali, saranno garantiti solo i servizi essenziali, cioè quelli previsti in caso di sciopero. A Roma il prefetto, Franco Gabrielli,  ha disposto la riduzione di quattro ore della durata dell’astensione dei dipendenti Atac. Questo, ha aggiunto, in considerazione “dei rischi di gravi ripercussioni sul sustema di mobilità derivanti da una serie di fattori che vengono a concentrarsi” domani nella Capitale. A Milano, invece, lo scioperò durerà dalle 8.45 alle 15 e dalle 15 fino alla fine del servizio.

Giuseppe Caretta