Papa Francesco si iscrive ad Instagram. Sara’ Franciscus!

Papa Francesco su InstagramPapa Francesco è sempre più social e, dopo Twitter con i suoi 26 milioni di follower, è sbarcato anche su Instagram. Annunciato nei giorni scorsi, da alcune ore è stato aperto il profilo ufficiale del Pontefice chiamato @franciscus raccogliendo, ancora prima che venisse postata la prima immagine, centinaia di migliaia di follower. Un modo per potersi avvicinare di più alle persone, segnale del fatto che Papa Francesco sia intenzionato ad essere al passo con i tempi. Mai prima d’ora un Pontefice era stato così aperto alle novità: nel suo messaggio di presentazione, pubblicato su Twitter sul suo account @Pontifex, Bergoglio ha sottolineato, “Inizia un nuovo cammino, in Instagram, per percorrere con voi la via della misericordia e della tenerezza di Dio”.

Sul social network dedicato alle immagini ha poi postato la prima foto, che lo mostra inginocchiato in preghiera. La sala stampa vaticana ha commentato: “È una nuova iniziativa nell’utilizzo dei social media da parte del Santo Padre, dopo l’account Twitter che conta più di 25 milioni di seguaci in nove lingue”, mentre mons. Dario Edoardo  Viganò, prefetto della Segreteria per la Comunicazione ha sottolineato: “Instagram aiuterà a raccontare un Pontificato attraverso le immagini per far entrare nei gesti di tenerezza e di misericordia tutte le persone che vogliono accompagnare e conoscere il Pontificato di Papa Francesco. Sceglieremo alcune foto del Servizio fotografico dell’Osservatore Romano, cercando di ritagliarne alcuni dettagli. Così possiamo fare vedere quegli aspetti di vicinanza e di inclusione che Papa Francesco vive quotidianamente”.

Tra i primi a salutare Papa Francesco su Instagram c’è Mark Zuckerberg, fondatore di Facebook che in un post ha sottolineato: “Non importa quale sia la tua fede. Tutti possiamo essere ispirati dall”umiltà e la compassione di Papa Francesco”. Lo scorso 26 febbraio Bergoglio aveva ricveuto l’Ad e co-fondatore di Instagram Kevin Systrom in Vaticano.

Daniele Orlandi