Iraq, un video amatoriale riprende l’attentato dell’Isis allo stadio

bomba-stadio2-2Ieri pomeriggio un giovane Kamikaze, Saifullah Al-Ansari, si è fatto esplodere durante una partita di calcio in Iraq. L’esplosione ha coinvolto i tifosi nelle gradinate e causato la morte di almeno 29 persone, altre 95, invece, quelle rimaste ferite. Durante la giornata di ieri la notizia è stata confermata dalla polizia locale: l’attentato si è svolto nei pressi di Al Asrya una cittadina che si trova a 60 chilometri da Baghdad intorno alle 19. Oggi, grazie alle riprese di uno degli spettatori sugli spalti, siamo entrati in possesso delle immagini dell’esplosione. Nel video, il tifoso della squadra di casa sta riprendendo le due formazioni che si accingono all’ingresso in campo, i ventidue uomini  si dispongono di fronte alla gradinata per le presentazioni di rito, quando, ad un tratto, il lampo di un esplosione irrompe nell’immagine( il ragazzino si è fatto esplodere), l’autore del video, in preda al panico, scappa dimenticandosi di spegnere la videocamera del cellulare. Grazie alla dimenticanza del video amatore il telefono riprende inconsapevolmente i momenti successivi all’esplosione con tutti i presenti in preda al panico che cercano di fuggire il più lontano possibile dal terrore della morte e da una possibile seconda bomba. Durante la fuga si sentono le voci degli spettatori terrorizzati( tra cui molte voci di bambini) ed in sottofondo i colpi di mitra degli altri attentatori che urlano Allah è grande. In serata l’attentato è stato rivendicato dall’Isis, che si è macchiata di un altra inutile strage dopo gli avvenimenti di martedì scorso in Belgio.

Fabio Scapellato