Vincent Thill, la stella del Lussemburgo in nazionale a 16 anni contro Pjanic e Dzeko

topelement

La prima partita del Lussemburgo nel 2016 è terminata 3 a 0 per la Bosnia, avversaria che non ha infierito eccessivamente sul proprio avversario. Se la gara non ha trasmesso nulla di memorabile dal punto di vista del risultato, l’incontro amichevole tra le due nazionali sarà sicuramente valso un ottimo ricordo per Vincent Thill, giocatore del Metz, che ha debuttato nella prima nazionale all’età di 16 anni e 50 giorni.

Il suo ingresso in campo non è stato sicuramente un momento felice per il Lussemburgo, perché immediatamente dopo sono arrivati i gol della Bosnia, che era avanti già di una rete a zero, ma l’aver dato il cambio al capitano della propria rappresentativa, Mario Mutsch, sicuramente ha rappresentato un momento di grande emozione. Vincent Thill, però, non è un novizio sulle scene internazionali, perché già nel mese di dicembre venne scelto come testimone di una campagna pubblicitaria lanciata dal Metz, che lo fa giocare nell’Under 19: la società pubblicizzava, con una clip di circa due minuti, il Senseball, un pallone da calcio collegato a un apposito elastico ottimo per migliorare la coordinazione.

Qualcuno aveva ironizzato sulle sue capacità di attore dicendo che avrebbe dovuto trasferirsi a Hollywood piuttosto che continuare a giocare nel Metz, ma a quanto il giovane trequartista lussemburghese, acquistato dai francesi del Metz nel 2012 da svincolato, quando giocava ancora in patria, al Niederkorn, dopo il debutto nella nazionale maggiore continuerà la sua carriera, che ha davanti a sé ancora tantissimi anni di grandi soddisfazioni. In attesa, magari, di una chiamata anche nella nazionale maggiore del suo club.