Yaffa rischia la condanna penale per essere stato tesserato con documenti falsi

original (1)Il prossimo 21 Aprile si terrà l’udienza per la possibile condanna penale di Yusupha Yaffa ed il deferimento per le società che lo hanno tesserato con documenti falsi, il giovane calciatore del Gambia è indagato per frode sulla sua data di nascita, sembra, infatti, che il giovane africano sia arrivato in Italia in due differenti momenti con due date di nascita differenti, nel 2002 risultava nato nel 1987, mentre nel 2009 la sua data di nascita era stata aggiornata al 1996. Yaffa a cavallo tra il 2002 ed il 2009 ha giocato nei campionati giovanili italiani con la maglia di Milan, Inter e Bologna, adesso il calciatore africano è emigrato in Germania dove cerca di realizzare il suo sogno con la maglia del Duisburg.

Leandro Cantamessa, legale dell’Ac Milan, durante la fase preliminare del processo ha detto di aver chiesto i documenti al consolato del Gambia e che il tesseramento risulta dunque perfettamente legale, ma, nonostante questo, la procura di Cuneo vuole andare fino in fondo alla faccenda per capire di chi è il dolo. Non è la prima volta che un calciatore africano o sudamericano arriva in Italia con un passaporto falso, il caso più eclatante è stato quello di Eriberto che, oltre a mentire sulla propria età, menti anche sulla sua identità. Ma il fenomeno dei passaporti falsi non si limita all’Italia, molte volte, durante i mondiali under 17, le nazionali africane hanno presentato intere squadre la cui età era indecifrabile, queste hanno dominano le competizioni giovanili ,ma stranamente  non si sono mai ripetute a livello di nazionale maggiore. Qualche anno fa, lo stesso dubbio era stato sollevato sul bambino prodigio afro-americano, Freddy Adu: il grandissimo talento USA ha partecipato a quattro diversi mondiali under 20( detenendo il record di giocatore più giovane della competizione), dai 14 ai 20 anni, ma il suo aspetto fece sospettare tutti sulla veridicità della sua data di nascita, nonostante non sia mai stato riscontrato un  documento falso, il favoloso talento di Adu è scomparso nel nulla a livello professionistico, pura coincidenza?

Gli esempi sono molteplici( Milla, Minala, Abedì Pelè) tanto da diventare quasi una consuetudine, la povertà di questi paesi induce queste persone a trovare un trucco per sfondare nel calcio europeo ( è noto che dopo una certa età le società tendono a scartare i giocatori ,anche alcuni molto validi), ma nel calcio ci sono delle regole da rispettare e se Yaffa verrà trovato colpevole è giusto che venga punito.

Fabio Scapellato