Silvio Muccino contro il fratello: “E’ violento”

silvio muccinoA L’Arena di Massimo Giletti, Silvio Muccino decide di parlare del rapporto difficile che ha con il fratello regista Gabriele e con il resto della sua famiglia.

Le sue dichiarazioni sono molto pesanti, infatti accusano il fratello maggiore in un modo considerevole. Silvio Muccino confessa: “Esistono due facce della nostra famiglia. Una è quella pubblica, idilliaca e felice, dove io sono la pecora nera, depresso, pazzo e plagiato. Poi c’è la realtà di una famiglia incardinata su dei meccanismi ricattatori e che è fondata sui segreti. La famiglia nella quale sono nato era disgregata. Il matrimonio dei miei genitori era alla deriva e il mio ruolo era fare da collante. Io sono arrivato per unire la famiglia. E mi si diceva sempre chedovevo essere grato perché mio padre rimasto con mia madre…Il malessere subito in famiglia è stato elaborato in maniera diversa fra me e mio fratello Gabriele. Lui l’ha portato fuori, anche con atteggiamenti fisici violenti”.

Ma Silvio non si ferma qui. Infatti, l’attore racconta di come l’ex moglie del fratello gli abbia più e più volte confessato che quest’ultimo fosse molto violento, arrivando perfino alle mani: “Ci sono stati ripetuti episodi di violenza domestica. Un’estate, eravamo nella casa di campagna di Gabriele. Lui era nervoso e andò in camera da lei. Quando mi avvicinai alla porta, la vidi uscire con una mano sull’orecchio e le lacrime agli occhi. Non sentiva più niente: uno schiaffo le aveva perforato un timpano e ha dovuto subire una timpano-plastica per recuperarlo in parte“.

Muccino, ai tempi, ha smentito il tutto il tribunale, proteggendo il fratello. Oggi, però, un Muccino più maturo è molto pentito del trascorso.

Stefania Titone