Home Lifestyle

Una ricerca scientifica ci spiega quante volte fare la doccia

CONDIVIDI

come-trasformare-uno-shampoo-aggressivo-in-uno-shampo-doccia-delicato_f97d7f94f9d7bdc9577c6d71039144bdQuanto spesso bisogna farsi una doccia? Uno studio effettuato presso la Columbia University dimostra che non dovremmo lavarci così spesso come si potrebbe pensare. Chiaramente la doccia è uno di quei momenti, all’interno di una giornata, che ci mette a nostro agio, toglie lo sporco, la pesantezza della vita lavorativa e ristora la nostra mente dalle fatiche di un intera giornata, ma se siete soliti fare una o più docce al giorno potreste causare dei danni alla vostra pelle.

Lo studio effettuato nell’università americana dimostra che le docce giornaliere oltre a togliere lo strato di sporco e sudore accumulato dal corpo durante la giornata spazza via anche  una patina di olio protettivo naturale che serve a proteggere la pelle da attacchi batterici ed evita la contrazione di alcune malattie. Ad affermarlo è la dottoressa Elaine Larson specializzata in malattie infettive alla scuola d’infermieristica della Columbia University, la quale sostiene che: “La doccia ha una funzione  prettamente estetica. La gente crede che farsi una doccia sia un bene per l’igiene o che sia più efficace per pulirsi, ma da un punto di vista batteriologico non è esattamente così“.

Questa ricerca, effettuata dalla dottoressa Larson e dal suo team, ha anche dimostrato che lo stesso potrebbe valere per i disinfettanti per le mani ed altri prodotti per la pulizia come i saponi liquidi, per una maggiore pulizia ed maggior rispetto della propria pelle il prodotto migliore rimane la vecchia saponetta. Lo studio non ha dimostrato con esattezza quante docce ci si possa fare senza danneggiare lo strato protettivo della pelle ma di sicuro bisogna evitare di farla ogni giorno. Infine la dottoressa ha aggiunto che lo stesso principio vale per il lavaggio dei capelli, questi per essere puliti basta lavarli 2 volte a settimana, una maggiore frequenza potrebbe rovinare la cute e portare a disagi.

Fabio Scapellato