Su Facebook l’ultimo ricordo del pediatra di Aleppo

L’ultimo pediatra di Aleppo, Muhammad Waseem Maaz, è morto sotto le bombe dell’altro giorno che hanno distrutto l’ospedale pediatrico gestito dalla Cicr e dai Medici senza Frontiere. Assieme a lui hanno trovato la morte altre 26 persone, collaboratori dell’ospedale e pazienti. Il ricordo di quest’uomo generoso, che fino all’ultimo ha voluto rimanere a fianco dei suoi pazienti, passa attraverso le parole del collega, il dottor Hatem, che è il direttore dell’ospedale distrutto.

aleppoLa lettera su Facebook ha avuto almeno 30mila condivisioni. In essa si legge il pianto accorato del dottor Hatem, che lo ricorda come “la persona più amata di tutto l’ospedale“.
“Lavorava nel nostro ospedale per bambini durante il giorno e poi andava a ad al-Quds  ad assistere a situazioni di emergenza durante la notte. (…) Era cordiale, gentile e scherzava sempre con tutto lo staff. Era il dottore più amato del nostro ospedale”.

Ecco alcuni stralci del ricordo del dottor Hatem. Maaz era un uomo generoso, prima che un dottore. Giocava con i bambini prima di dedicarsi al turno in ospedale. Era sempre disponibile per le emergenze. Ucciso perché cercava di salvare altri esseri umani. Il ricordo di Hatem è per la sua “umanità e il suo coraggio”, e affinché il mondo sappia che cosa vivono ogni giorno questi eroi della Siria.