Eurovision, la bandiera dello Stato Islamico affiancata a quelle di Kosovo e Palestina

Eurovision bandiere vietateL’organizzazione del Festival internazionale Eurovision ha richiesto a Globe Arena e a AXS (rispettivamente il luogo dove si svolgerà il festival e l’ente che si occupa della rivendita dei tagliandi) di ritirare immediatamente il documento che inserisce tra le bandiere ‘proibite’ all’interno del Festival la bandiera che rappresenta il País Vasco (l’Ikurriña), chiedendo scusa “a tutti coloro i quali si siano sentiti offesi” da questo inserimento all’interno della lista.

Si sarebbe comunque trattato di un documento non definitivo, giacché la pubblicazione sul sito ufficiale del Festival è programmata per il prossimo venerdì. Si sarebbe trattato di una semplice bozza, secondo quanto diramato dall’Unione Europea di radiodifussione: “Questo documento includeva una lista non completa di esempi di bandiere che non sarà possibile esibire all’interno del Globe Arena. La finalità di questo documento non era di essere pubblicato“.

Per quanto non ne fosse prevista la pubblicazione, questo documento risulta abbastanza offensivo e grossolano: è possibile affiancare realtà che lottano / hanno lottato per la propria autonomia (dal País Vasco a Palestina e Kosovo) allo Stato Islamico?