Leggins troppo provocanti? Una blogger americana dice no al pantalone attillato

legginsLa notizia in questione è di circa un anno fa, ma sta venendo rilanciato in questi giorni da diverse realtà e merita sicuramente di essere riproposta: riguarda uno status postato da Veronica Patridge, blogger cristiana statunitense, che ha parlato dell’uso dei leggins (i pantaloni parecchio attillati in voga da qualche anno a questa parte) da parte delle donne, a suo dire troppo provocanti.

“È possibile che indossare i leggings possa portare un altro uomo, qualcuno che non sia mio marito, ad avere pensieri lussuriosi su di me? Ho chiesto a mio marito quale fosse la sua idea in merito, ho apprezzato la sua onestà quando mi ha detto: ‘Sì, quando vado da qualche parte e c’è una donna che indossa questi pantaloni, mi riesce difficile non guardare. Ci provo, ma non è facile”.

Il post ha ottenuto una eco davvero importante, con commenti e condivisioni di ogni tipo.

La blogger ha quindi aggiunto al riguardo: “Se è difficile per mio marito che mi ama, mi onora e mi rispetta, volgere altrove il suo sguardo, quanto può essere ancora più difficile per un altro che non abbia il suo stesso self-control? Certo, se un uomo vuole guardare, alla fine guarderà, ma perché provocarli? È possibile che i leggings o i pantaloni molto stretti possano portare un marito a guardare una donna nel modo in cui dovrebbe guardare solo sua moglie?”.

La Patridge avrebbe quindi deciso di non indossare più i leggins, auspicandosi che tutte le altre donne possano fare lo stesso.

Voi cosa pensate? Riteniate i leggins siano davvero troppo provocanti? Riteniate la donna debba scegliere il proprio modo di vestirsi anche in base a quanto il capo possa provocare?