Terrorismo, Europol: “Probabili nuovi attentati in Europa”

attentatobruxelles“Temiamo che la possibilità di un nuovo attentato in Europa sia molto alta”. Non fa giri di parole il direttore di Europol (l’Ufficio di Polizia Europeo, ndr), Rob Wainwright, intervenuto al Comitato Schengen, che però non precisa se la minaccia terroristica colpirà l’Italia. “Non abbiamo notizie in tal senso”, ha detto Wainwright, che ha aggiunto: “Ci troviamo di fronte alla più grande e pericolosa minaccia terroristica dai tempi dell’11 settembre“.

Il sospetto che due degli attentatori di Parigi avessero usufruito del canale di migrazione troverebbe conferma, stando sempre alle parole del direttore di Europol. “La nostra principale preoccupazione – ha aggiunto – è che altri terroristi possano arrivare in Europa attraverso l’uso di documenti contraffatti. Europol al momento sta monitorando l’attività di coloro che potrebbero essere i produttori di questi documenti falsi e rafforzare l’attività di contrasto a questa attività”.

Allarme terrorismo, quindi, ancora molto alto. Wainwright ha inoltre affermato che sono stati identificati circa 40mila trafficanti di esseri umani in Europa. Una tremenda realtà composta da tante piccole bande criminali. “Alcuni di questi gruppi sono molto potenti e riescono ad operare simultaneamente da vari paesi europei – ha spiegato il direttore di Europol – I leader di queste organizzazioni provengono sia da paesi di partenza come la Siria, paesi di transito come la Turchia e anche da vari paesi europei”.