Siria, un’orchestra nel teatro di Palmira: torna la bellezza nel luogo dell’orrore

ULTIMO AGGIORNAMENTO 8:24

Un’orchestra filarmonica proveniente dal teatro Marinski, di San Pietroburgo, ha suonato fra le rovine del sito archeologico di Palmira. Quella che una volta era stata la sede dei terroristi dell’Isis, il bellissimo sito archeologico nel quale molte statue erano andate distrutte e dove molto sangue era stato versato, torna ad essere un palmiraluogo di bellezza. L’orchestra di San Pietroburgo è diretta dal famoso maestro Valeri Gherghiev, e anche il presidente Vladimir Putin si è collegato in video conferenza per esprimere il proprio ringraziamento per la comune lotta al terrorismo, che minaccia il mondo intero.

Al concerto era presente anche il ministro della cultura russo, e le truppe russe, siriane, alcuni rappresentanti di paesi europei e non e dell’UNESCO. Il sito, oggi come oggi, viene protetto dalle forze e dagli elicotteri russi che non cessano di volare sulle rovine di Palmira.
Un concerto di “gratitudine”, simbolo di memoria e di speranza, ha sostenuto Vladimir Putin parlando dell’iniziativa musicale. Gratitudine, ha detto il presdiente russo, per tutti coloro che sostengono giorno dopo giorno la lotta al terrorismo mettendo a repentaglio le vite; memoria delle vittime dell’orrore, e speranza per la rinascita di “Palmira come patrimonio dell’umanità” e come simbolo della lotta contro il terrorismo internazionale.

Iscriviti al canale Telegram di NewNotizie per non perdere nessun aggiornamento: CLICCA QUI!