Uncharted 4 è la perfetta fusione tra cinema e videogame

ULTIMO AGGIORNAMENTO 13:15

Adobe Photoshop PDFDopo tre rinvii ed un attesa durata cinque anni, il prossimo 10 maggio, i fan di Uncharted potranno finalmente mettere le mani sul capito finale della saga: Uncharted 4: la fine di un ladro. Il titolo di Naughty Dog è la perfetta fusione tra un videogioco ed un Kolossal di Hollywood sia per i costi di produzione che per l’incedere della vicenda: sin dal primo capitolo della saga, la software house californiana ha puntato tutto sul foto realismo e su una narrazione spettacolare e fortemente guidata che potesse ricordare i classici del genere action (corse frenate per evitare esplosioni e combattimenti al cardiopalma in scenari che stanno per crollare sono parte del dna di questo videogioco).

Il protagonista, Nathan Drake, è un mix tra il carattere e l’intuito di Indiana Jones e  la determinazione e l’abilità con le armi da fuoco di Lara Croft, sempre alla ricerca di tesori inestimabili, si trova a combattere flotte di nemici malvagi e pervasi dalla brama di conquista del mondo all’interno di città mitologiche immerse in scenari reali che rubano l’occhio per la loro accattivante bellezza. Così, la corsa all’ultimo inestimabile tesoro procede tra spettacolari inseguimenti, sparatorie violente ed enigmi che ricordano i primi Tomb Raider e persino Indiana Jones e l’ultima crociata non tralasciando alcuni momenti d’introspezione che ci permettono di conoscere meglio i personaggi. Il risultato è come sempre sorprendente, un mix perfetto tra videogioco, film cult anni ottanta ed i romanzi d’avventura, d’altronde come dice il regista del gioco, Bruce Stanley: ” Il videogioco è un medium estremamente plastico, capace di raccontare storie in una maniera diversa da tutti gli altri”.

Insomma Uncharted 4 è un capolavoro, imperdibile per i fan della serie e per tutti gli appassionati di videogames, rappresenta anche il tramite giusto per familiarizzare con il mondo dei videogiochi anche per chi, fino ad ora, non li ha mai apprezzati fino in fondo o per pregiudizio non li ha mai voluti provare.


Fabio Scapellato

Iscriviti al canale Telegram di NewNotizie per non perdere nessun aggiornamento: CLICCA QUI!