Il doodle del giorno: è la festa dell’indipendenza in Israele

Il 14 maggio del 1948, con la fine del Mandato Britannico, veniva proclamata l’indipendenza dello Stato d’Israele. Un evento storico, che Google ha voluto onorare dedicandogli il doodle del giorno. La festa – in lingua ebraica Yom Ha’atzmaut – è l’unica ricorrenza non religiosa ufficialmente riconosciuta per legge e inserita nel calendario ebraico. Un calendario che, per la sua particolarità, può far cadere la stessa festa in un periodo compreso tra la fine di aprile e la prima metà di maggio.

doodle

La Yom Ha’atzmaut è diventata, col tempo, una giornata di festa dedicata alle famiglie. Che tradizionalmente si ritrovano in campagna o in spazi aperti per trascorrere un po’ di tempo insieme. Non solo: i balconi, le automobili e le strade delle città ebraiche vengono solitamente listati con le bandiere israeliane e nel corso della giornata, nelle principali città del Paese, si partecipa a vari eventi. Particolare risonanza ha, ad esempio, il World Bible Quiz che si svolge a Gerusalemme. Che altro non è se non l’annuale competizione a cui possono partecipare giovani al di sotto dei 20 anni pronti a sfidarsi su domande che riguardano la Bibbia. Il quiz, che viene trasmesso dalla tv nazionale, “incorona” ogni anno un vincitore al quale viene consegnato l’Israel Prize.

La festa dell’indipendenza d’Israele viene preceduta da una giornata di mesta commemorazione dedicata al ricordo di coloro che sono morti per difendere la comunità ebraica, prima della proclamazione dello Stato di Israele. Perché? Perché gli israeliani non vogliono dimenticare il caro prezzo che è stato pagato per raggiungere l’agognata indipendenza, ripristinata dopo quasi 2 mila anni. La prossimità tra la luttuosa celebrazione e la festosa ricorrenza del giorno dopo consente, insomma, al popolo d’Israele di riflettere sull’importanza della libertà e dell’autodeterminazione pagate col sangue di tanti eroi nazionali.

Maria Saporito