Conferenza Italia- Africa. Mattarella: “No a muri, si a cooperazione”

Il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, è intervenuto stamane all’apertura della conferenza ministeriale Italia-Africa con parole che hanno raggiunto il cuore della questione. “L’italia- ha detto il presidente- è un ponte Renzi arrivato in Etiopia, intervento a Onu e visita diganaturale verso l’Africa”, e la stabilità del continente africano è stabilità per quello europeo.

Un dialogo che deve partire da oggi, da quelle che sono le sfide che l’Africa deve affrontare adesso, nei suoi fattuali problemi imminenti, nelle sue “sfide di oggi, non di domani.” La pace, sicuramente, ma anche il terrorismo e la cooperazione con i paesi Europei, primi fra tutti i vicini paesi del Mediterraneo, per far si che si crei una comunione di agende e che possano essere concretamente affrontate le emergenze epocali che questo angolo di mondo sta attraversando. Assieme al presidente Mattarella sono presenti, in rappresentanza del governo italiano, il ministro degli Esteri, Paolo Gentiloni, assieme ad Angelino Alfano, Maurizio Martina e Gian Luca Galletti.

“L’Italia- ha ancora ricordato il presidente della Repubblica- ha sostenuto l’esigenza di strategie lontane dalla logica semplicistica che vorrebbe rispondere al fenomeno della migrazione con l’erezione di muri e barriere. Il nostro primo dovere è quello di salvare vite umane e di soccorrere chi si trova in condizioni di difficoltà e di sofferenza.”

Giuseppe Caretta