LinkedIn hackerato, trafugati 110milioni di dati

LinkedIn sarebbe stato hackerato, e almeno 110 milioni di dati sarebbero stati rubati e rivenduti a due mila dollari dagli hacker, dollari pagati ovviamente nella moneta virtuale e non tracciabile dei bit coin. La più importante piattaforma per cercare lavoro e per mettere online il proprio curriculum vitae è vittima così di uno spregevole furto di dati.

linkdeinIl danno è avvenuto nel 2012, ma non per questo l’allarme è meno recente, dato che i profili sono a rischio. Nel 2012 un hacker presumibilmente russo ha rubato 6,5 milioni di dati e li ha rivenduti. Adesso sul sito The Real Deal sono in vendita ancora dei dati di LinekIn che sono stati trafugati nel 2012.

Il social del business ha già reagito sostenendo di star bloccando tutte le password impostate prima dell’anno 2012 e che non sono state più cambiate a partire da quel momento, e sta invitando tutti gli utenti di LinkedIn a proteggere meglio il proprio account sfruttando il doppio sistema di autenticazione che permette una protezione più intensa dei dati personali per impedire l’accesso degli hacker nel loro sistema.

Non solo, adesso LinkedIn sta tenendo sotto controllo quelle che ritiene essere “attività sospette”, ma intanto i dati dei suoi utenti sono lì, in vendita sul mercato nero. Un’altra falla nella sicurezza che questa volta potrebbe essere pagata molto cara.