Chiude Topolino? Mercoledì non andrà in edicola l’ultimo numero

Bufala chiusura TopolinoCosa non si fa, per un pugno di click: si uccidono le persone (parecchie sono le celebrità la cui dipartita è stata annunciata nonostante fossero ben in vita), si propongono fotomontaggi improbabili, si inventano bufale a sfondo razzista.

Stavolta, invece, s’è deciso di annunciare la chiusura di una importantissima realtà editoriale (‘Topolino’, uno dei più antichi settimanali a fumetti d’Italia), additando come colpevole la tassazione tricolore (“Si pensi che sul costo di 2,50€ di un singolo numero di topolino l’azienda, tra tasse, distribuzione e stipendi, guadagna al netto guadagna 0,08€”, ha scritto italiani-informati.com, realtà gentistica che ha proposto questa news fake poi divenuta virale).

Come facilmente ipotizzabile (d’altra parte, alle spalle di ‘Topolino’ ci sono due colossi come Disney e Panini), la notizia è una bufala.

Il primo a smentirla è stato Marco Gervasio, disegnatore di lunga data della realtà edita da Panini, che ha scritto sul suo Facebook uno status senza mezzi termini (non mandandole a dire ai creatori di questa bufala): “E io che sto lavorando per i numeri che usciranno dopo l’estate! Mentre qualche mentecatto scrive sta bufala, Topolino veleggia tranquillo pieno di ottime storie. Ogni mercoledì in edicola, come sempre”.

Allo stesso modo, al ‘Post’ che ha smentito tra i primi la bufala, Marco Lupoi (direttore publishing di Panini) ha dichiarato: “La cosa bizzarra è che tu sei l’editore della rivista e mentre ci stai lavorando ti trovi davanti alla notizia della sua chiusura”.

Insomma, fan di ‘Topolino’, non temete: il vostro settimanale (che viene distribuito in Italia dal 1932 ed ha abbondantemente superato il numero 3000) continuerà a trovarsi ogni mercoledì in edicola.

E prima di condividere un post, suggeriamo a tutti di contare almeno fino a 10 (se non proprio fino a 3000).