Germania: giovane africano fugge dal Gambia e diventa professionista nel giro di un anno

Barcone-inclinatoLa storia di Yatta, diciassettenne nativo del Gambia, comincia come quella di migliaia di altri ragazzi africani: scappato dalla povertà del suo paese natio (Ganjur) senza l’aiuto dei suoi genitori ne quello dei suoi fratelli, Yatta, nell’estate del 2014 quando aveva solo 17 anni, ha attraversato il Sahara, poi il Mar Mediterraneo raggiungendo il sud dell’Italia tra mille difficoltà (la sua imbarcazione stava per affondare ed è riuscito a salvarsi solo grazie all’ausilio della guardia costiera). Il suo approdo in Italia è stato solo temporaneo, il ragazzo, infatti, ha subito raggiunto il nord della Germania fermandosi a Brema.

Nella città tedesca il giovane africano ha cercato di coronare il suo sogno di diventare un calciatore, il ragazzo aveva giocato solo per strada con gli amici ma non aveva mai avuto ne un allenatore ne una squadra, nonostante questo, al suo provino con il Werder Brema ha stupito tutti al punto che gli allenatori delle giovanili lo hanno voluto testare con l’under 23 per sincerarsi delle sue qualità. Presto le prestazioni del giovane Yatta Bakeri hanno fatto il giro del paese e convinto gli osservatori dell’Amburgo che fosse una cosa saggia offrirgli un provino. Anche in questo caso Bakeri ha confermato le sue enormi qualità convincendo la dirigenza dell’Amburgo ad offrirgli subito un contratto da professionista, per firmarlo, però, il talento africano deve attendere il compimento del diciottesimo compleanno, poi, a partire dal prossimo 6 giugno diventerà professionista nella Bundesliga.