Idomeni, è iniziato lo sgombero del campo profughi

E’ iniziato proprio in queste ore della mattina lo sgombero del campo profughi di Idomeni, situato al confine fra Grecia e Macedonia e divenuto famoso per gli scontri avvenuti fra i migranti e le forze dell’ordine nel corso degli ultimi mesi. Almeno 200 uomini, alcuni in divisa altri in borghese, si sono presentati questa mattina al campo per far svolgere le operazioni di sgombero, che secondo le ultime informazioni stanno procedendo “lentamente, nella calma”, come conferma anche il Governo.

Ad assistere gli agenti vi è anche un elicottero che sorveglia la situazione dall’alto. Idomeni è divenuto nell’arco idomenidi qualche mese il simbolo della situazione di stallo, giuridica e sociale, nella quale vivono le persone che fuggono dai loro paesi. Almeno 8400 persone vi sono accampate. I poliziotti stanno aiutando in queste ore i profughi a salire su dei bus che li porteranno nei centri di accoglienza poco distanti.

Per l’evacuazione completa del campo di Idomeni serviranno almeno dieci giorni. Il portavoce greco per i rifugiati, Kyritsis, ha detto che non verrà utilizzata la forza. A dar man forte ci sono anche venti unità di polizia in tenuta anti sommossa.
I giornalisti si trovano invece fuori dal campo in una barriera di sicurezza creata dagli agenti greci.